RIDE2PARKS: L’OBIETTIVO 2022 DA RAGGIUNGERE: PAROLA DEL CAPITANO GIUSEPPE LEONE

Di seguito l’appassionato racconto scritto di suo pugno e condiviso da molti appassionati sui social.

A Campo Imperatore non c’ero mai andato e, da buon ciclista, mi ero ripromesso che quella casellina sarebbe stata da crociare.
Quale migliore occasione della Randonnée RAID2PARKS, organizzata per ieri, a Fossa (AQ), dal bravo Ermanno Perrella.
Come al solito mi sento con Gennaro, e, nel giro di poco mettiamo insieme un bel gruppetto.
A noi si uniscono Salvatore d’Aiello (non se la lascia sfuggire di sicuro, è una extreme che vale per il Campionato Italiano), Raffaele Pandolfi (che per allenarsi per la 1001Miglia, viene in bici da casa), Luigi Pagliuca, Giuseppe Giannone Maurizio Mad Nese e convinco anche Gianna.
Ci vediamo il sabato a Poggio Picenze e subito ci rechiamo a Fossa per ritirare il pacco e ricevere le ultime istruzioni.
Ieri mattina sveglia prima dell’alba e appuntamento alle 5,30.
Dalla notte spira un gran vento di scirocco e già ci sono 30°C, le prospettive non sono le migliori!
Arrivati al punto di partenza, incontriamo Agostini Donato ed Ermanno ci avverte che ha inviato un suo collaboratore a Campo Imperatore, dove è previsto vento fortissimo, per verificare se ci sono le condizioni per il passaggio, altrimenti il percorso sarà tagliato.
Partiamo, tra rami e fogliame caduti nella notte.
Siamo in diversi, perché insieme al nostro gruppo partono altri randonneurs di varie località.
Pochi km. ed è subito guerra: un bel muro di diverse centinaia di metri, con pendenza vicina al 20%, per di più con la strada non pulita, cominciamo bene!
Le gambe, però, girano alla grande e supero l’ostacolo con una certa facilità.
A San Panfilo, subito sosta acqua alla fontana, perché quella che avevo messo ghiacciata nelle borracce già bolle; i 30°C sono stati superati già da un po’ e bisogna bere tanto.
A Rocca di Cambio, primo controllo.
Notiamo subito che l’organizzazione è molto presente: dal furgone spuntano bottiglie d’acqua freschissima a volontà.
Al bar rapida colazione e si riparte verso Secinaro.
Si sale ancora, per un po’, poi rapida discesa e si riprende a salire, con discreti strappetti, fino ad Acciano, con controllo al bar del paese (caffè pagato) banane e sempre acqua fresca a volontà distribuiti dall’organizzazione.
Adesso però arriva il bello: appena si riparte, curva a sinistra e giù, 5 km. di vera salita, che ve la raccomando!
Il primo tutto al 14/15%, poi, fino alla fine, sotto al 10% non siamo quasi mai andati, tant’è che, a fine randonnée, guardando su STRAVA, scopro di essere l’unico ultrasettantenne che l’ha percorsa!
Ci dirigiamo ora verso San Benedetto in Perillis e ci scappa anche una bella foratura in discesa; per fortuna ci sono due anime buone che si fermano ad aiutarmi!
Ci scappa pure un tratto di pianura, ma il vento contrario è talmente forte, che mi pare quasi peggio che stare in salita!
La temperatura, nel frattempo, continua a crescere e tocca una punta di oltre 41°C, si bolle!🥵
Quasi come una liberazione, la salita inizia davvero!
Ragazzi, si va fino a Castel del Monte, un nome che mi ricorda il castello che amo tanto, poi si vedrà se proseguire o meno.
Questa salita, nella prima parte, è piuttosto ostica; le pendenze sono di quelle che, pur non essendo particolarmente dure, non lasciano tregua: la lunghezza, poi, fa il resto.
Prendiamo ciascuno il proprio passo.
A circa metà, vicino al bivio che ricongiunge con la strada principale, ecco Ermanno che, oltre a rifornirci di acqua, ci avverte che a Castel del Monte la salita finirà e dovremo rientrare, via Calascio e Santo Stefano di Sessanio, poiché a Campo Imperatore le raffiche di vento superano i 100 Km. orari!!!
Seppur a malincuore, accettiamo tranquillamente, tutti, questa decisione, la più giusta ai fini della nostra sicurezza.
Durante le leggere salite per Calascio e S. Stefano un po’ di bagarre per smaltire la delusione ma poi ci dirigiamo verso l’arrivo, insieme anche ad Alfredo Cesarini, amico di vecchia data.
All’arrivo, altra bella sorpresa: un sontuoso pasta party, con cannelloni, gigantesco panino con carne e verdura, un’ottima birra e mozzarelle e formaggio in quantità, offerti dalla ditta di Ermanno.
Meglio non avremmo potuto essere trattati!
Sta tranquillo, Ermanno, l’anno prossimo tornerò per onorarti e chiudere il conto rimasto in sospeso!
Questo bellissimo Abruzzo mi ha stregato!
Intanto, stamattina, con Gianna, sulla strada del ritorno, siamo passati lassù: posto incantevole e oggi, per di più, con un cielo pulito e senza vento: mannaggia, da mordersi le mani!✌😍

FOSSA (Aq): LA PORTA DEI “2 PARKS”

PAROLA D’ORDINE, “SICUREZZA STRADALE”

Il Comune di Fossa (Aq) è diventato ufficialmente, grazie alla manifestazione ciclistica aquilana RIDE2PARKS, la porta d’ingresso dei due Parchi interessati dall’evento: il Parco Naturale Regionale del Sirente Velino ed il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Il Comune di Fossa ha fatto da apripista con l’installazione del primo cartello della zona dedicato ai ciclisti ed alla loro sicurezza.

E’ spuntato infatti a ridosso della kermesse RIDE2PARKS, un bel cartello che ricorda agli automobilisti di lasciare un metro e mezzo alle biciclette che percorrono il bordo strada.

E’ bastato dunque girare la chiave della macchina organizzativa dell’Asd Endurance Cycling, per rimettere in moto i rodati meccanismi dell’evento sportivo che nel giro di sole due edizioni hanno consacrato la RIDE2PARKS a “classica” del mondo dei Randonneurs.

Il Comitato Organizzatore, dopo aver ricevuti plausi da tutti i partecipanti venuti da tutta l’Italia per correre il Campionato Italiano ARI-AUDAX (extreme), ringrazia in primis il Comune di Fossa per aver ospitato il parterre di gara ed in secondo luogo le Istituzioni che non hanno esitato a mettere il proprio logo vicino a quello della RIDE2PARKS

Un grazie corale ai due Parchi su citati, all’alto patrocinio della Regione Abruzzo, a quello della Provincia di L’Aquila, ai Comuni attraversati che hanno permesso il passaggio, ai bar che hanno ospitato i punti di controllo (Rocca di Mezzo, Acciano, Castel del Monte) ed a tutti gli sponsor privati che hanno voluto affiancare l’evento, come il main sponsor Caseificio Santa Teresa, il media partner Radio Delta 1, lo sponsor tecnico rh+, il ristorante le Fiaccole, JollyGraph.

Press Luca Giannangeli

RIDE2PARKS 2021, IL SOGNO A “2 RUOTE” NEL CUORE D’ABRUZZO

L’AQUILA: SEMPRE PIU’ META CICLISTICA

Si è disputata ieri 1 Agosto 2021 a Fossa (Aq), la seconda edizione della RIDE2PARKS, tappa di Campionato Italiano extreme ARI-AUDAX di ciclismo su strada, modalità randonnéer.
L’endurance cycling, dicitura coniata dall’omonima Asd che promuove l’evento, non è una gara, ma una prova con sè stessi; si corre contro l’orologio avendo un tempo massimo per percorrere i 208 km su e giù per 4.000 metri di dislivello altimetrico.
Si viaggia in totale autonomia affrontando tante difficoltà, quali la stanchezza, il caldo e ieri, il vento!
Ma oggi non vogliamo parlare di questo bensì dell’impresa che tre amici hanno compiuto districandosi tra le difficoltà dettate dal difficile momento legato alla pandemia.
Obiettivo raggiunto dopo lo stop del 2020, proprio quando la RIDE2PARKS stava entrando prepotentemente nel cuore degli appassionati, italiani e non.
Circa 70 ciclisti provenienti da tutta Italia, dalla Puglia alla Lombardia, volevano conoscere il cuore d’Abruzzo, L’Aquila e le sue montagne dunque, senza pensarci due volte, hanno scritto il loro nome sull’albo dell’edizione 2021 della RIDE2PARKS.
Ermanno Perrella, instancabile e testardo “capriolo di Fossa”, ce l’ha fatta quasi da solo perché spesso, lo scrivente Luca Giannangeli e Federico Pisani, erano presi con il lavoro che li portava fuori città o all’estero.
Ci ha creduto fino all’ultimo consapevole delle bellezze e delle potenzialità della sua terra.
Questa manifestazione, un successo strepitoso a detta dei tanti presenti, è la prova che quando qualcosa la si desidera veramente, il cuore e la passione entrano in gioco esorcizzando la paura della salita.
Madre Natura, che da queste parti non ha badato a spese, ha giocato un ruolo fondamentale facendo sgranare gli occhi di tanti ciclisti che per la prima volta pedalavano tra i due Parchi interessati dal circuito, nell’ordine di passaggio il Parco Naturale Regionale Sirente Velino e il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.
L’azzeccato format della RIDE2PARKS ha attratto decine di curiosi appassionati ciclisti desiderosi di conoscere e di saggiare le proprie gambe nel difficile percorso disegnato ad hoc.
A causa di pericolose raffiche di vento che sui 2.000 metri di altezza sfioravano i 100 km/h, il comitato organizzatore ha deciso, sentitosi con ARI-AUDAX, di eliminare il tratto che saliva alla famosa targa dedicata a Pantani a Campo Imperatore; la sicurezza prima di tutto. Nonostante questo l’alternativa salita del Lago Racollo fino a Santo Stefano di Sessanio (annoverato tra uno dei borghi più belli d’Italia), ha regalato sensazioni indimenticabili ai fortunati ciclisti presenti appagando a pieno i loro occhi.
La voglia di salire in Cima a Campo Imperatore è soltanto cresciuta, ci riproveremo nel 2022.
L’Abruzzo interno, “ruvido e verticale”, come Ermanno ama definirlo nei suoi post sui social, non ha nulla da invidiare alle regioni più blasonate delle Alpi, è necessario solo valorizzarlo, programmando e soprattutto… crederci.

Grazie Ermanno, questa medaglia d’oro, in un giorno in cui l’Italia ne ha vinte ben due, è tua.

LG

RIDE2PARKS: E COSI’ SIA…

Tappa immancabile per due dei tre “soci” della RIDE2PARKS davanti alla basilica di Collemaggio in L’Aquila.
Il percorso è stato disegnato nel 2019, saltato per via del Covid nel 2020 e tornato di prepotenza nel 2021.
Slittata al 1 Agosto a causa del continuo susseguirsi di modifiche di decreti e deroghe varie, la RIDE2PARKS promette spettacolo.
196 km circa per 4.100 metri di dislivello, questo attende i fortunati ciclisti che vorranno testarsi nella Extreme del Campionato Italiano ARIAUDAX.
Tutto si svolgerà in totale autonomia grazie ad Icron ed al QRcode che sancirà i vari passaggi nei check points.
Insomma allenatevi, c’è spazio anche per un giro più corto che comunque consta di 2.000 m D+ per 116 km.
Iscrizioni su https://www.audaxitalia.it/
Info: www.ride2parks.it

RIDE2PARKS: SLITTA AL 1 AGOSTO 2021

L’Asd Endurance Cycling, comitato organizzatore della RIDE2PARKS del 6 giugno p.v., (tappa del Campionato Italiano ARI Audax Extreme) comunica che, a causa di problemi organizzativi, si è vista costretta a riprogrammare l’evento.
Esso si svolgerà il 1 Agosto 2021.
Per info: ride2parks@gmail.com
www.ride2parks.it