CERCA IL TUO NOME…

Alla RIDE2PARKS 2019 è stato utilizzato un vero e proprio sistema di timing, oltre a quello di GPS offerto da T-Track per i primi 50 iscritti.
Tutti i partecipanti possono consultare nella scheda in calce, il proprio tempo e la propria posizione in quella che non è una classifica, ma un ordine di arrivo.
Il più veloce di tutti è stato Damiano Sallusti, partito alle 8.21 del mattino e arrivato sotto il pallone UISP alle 17.38 del pomeriggio in 9 ore, 17 minuti e 8 secondi.
Il tempo tiene ovviamente conto dei distacchi della partenza alla francese, dunque precisi al secondo.
Presumibilmente alcuni ciclisti non hanno tagliato il traguardo finale ma entrati direttamente presso il parterre di gara dunque non possiamo sapere se hanno terminato tutto il percorso o meno, per questo motivo abbiamo chiesto in un precedente articolo e post su FaceBook, di inviare lo screenshot del cartoncino rosa ARI AUDAX.
Chi non si ritrovasse in lista è pregato di scrivere a ride2parks@gmail.com inviandolo al fine di essere inserito.
Solamente 3 ciclisti risultano sopra il tempo massimo e ciò sta a significare solamente che non possono richiedere l’omologazione del brevetto ad ARI AUDAX. Gli stessi sono però Finishers della RIDE2PARKS e potranno avere il diploma relativo. (entro Settembre 2019).

Alla lista che segue mancano i ciclisti ritirati, circa un 18% degli 87 partiti.

FINISHERS 2019

A tutti ancora grazie